Montella Net Homepage
Una parola per volta per imparare il dialetto montellese
malepatì : soffrire per estrema povertà
Clicca per aprire il vocabolario
Promodisplay è specializzata in progettazione e realizzazione di siti web, espositori e materiale pubblicitari per il punto vendita.
Funghi

Lingua di bue

Termine Dialettale : Lengua re cane

Cappello
Difficilmente confondibile con altre specie non commestibili; inconfondibile per la sua forma di lingua e per la sua carne che assomiglia a quella di un fegato. Mediamente di 10 - 20 cm di diametro con uno spessore di 7-8 cm, può tuttavia raggiungere dimensioni ragguardevoli (sono stati trovati esemplari lunghi fino a due metri); molle, carnoso, simile ad una sorta di lingua o fegato, sessile o con un gambo breve; cuticola di colore aranciato oppure rosso sangue, viscida, gelatinosa, finemente rugosa.

Tubuli di 10-15 mm, liberi, cilindrici, corti, gialli in gioventù, poi rosei per via della sporata. Pori circolari, prima biancastri poi rosso-brunastri in età avanzata. Il gambo è di circa 3 cm, tozzo e cilindrico, tuttavia spesso non risulta presente. La carne è molle, venata, più coriacea con l'età; intrisa di un lattice color rosso sangue spesso abbondante e talvolta acquoso, fibrosa. Se tagliata, vira molto lentamente all'aria verso il rosso scuro e successivamente tende al marrone scuro. L'odore è appena percepibile e non ben definibile, complesso, come di carne, grato. Un po' forte alla cottura. Il sapore è grato, acidulo e/o dolciastro, più o meno con retrogusto amarognolo.

Le spore color rosa in massa, ialine, ovoidali, lisce. E' un fungo parassita, cresce su tronchi di latifoglie, querce ma più frequentemente su castagni, in estate-autunno.

Commestibilità Ottimo commestibile da crudo, discreto da cotto; mediocre commestibile negli esemplari molto vetusti poiché diventa coriaceo. Occasionalmente può dare fastidio l'odore intenso che sprigiona alla cottura. È un fungo ricco di vitamina C. Consumato in grosse quantità può rivelarsi pesante da digerire. È uno dei pochissimi funghi al mondo che è possibile mangiare anche crudo senza rischi, unitamente alla Russula virescens, alla Guepinia rufa ed all' Amanita caesarea. Alla cottura assume un aspetto che ricorda curiosamente un vero e proprio fegato, anche nella consistenza; qualora si decida di consumarlo cotto, si consiglia di friggerlo in padella con cipolle tagliate a fettine.

Sconsigliamo la raccolta dei funghi in base alle nostre foto in quanto potrebbero trarre in inganno !!!



oppure Condividi

Costruisci Montella Net con noi

Segnalaci gli errori, i commenti e/o le critiche riguardo questo contenuto o in generale. Saremo felici di rispondere e migliorare Montella Net grazie al tuo aiuto.

Nome


La tua e-m@il



Inserisci la parola nell'immagine


Commento