Montella Net Homepage
Una parola per volta per imparare il dialetto montellese
annasolà : origliare
Clicca per aprire il vocabolario
Promodisplay è specializzata in progettazione e realizzazione di siti web, espositori e materiale pubblicitari per il punto vendita.
Erbario

Melograno

Cresce allo stato selvatico nei boschi e nelle siepi. Appartiene alla famiglia delle Mirtacee. Fiorisce in giugno e luglio.
Il melograno è tra le piante medicinali più note sin dall'antichità. Nei monumenti assiri ed egiziani, spesso è presente il frutto; accenni si rinvengono anche negli scritti mosaici. Furono, probabilmente, i coloni greci ad introdurlo in Italia.
Dioscoride e Plinio "raccomandano la decozione della corteccia per eliminare la tenia".
Introdotto nella medicina europea dal Bughanan, nel 1807. È un frutice od arbusto (2-5 m.) con corteccia grigia, i rami giovani rossastri; foglie oblungo-lanceolate, margine intero o un po' ondulato, di colore verde vivo, superiormente, verde pallido sulla faccia inferiore, caduche; fiori solitari o in gruppi di due-tre, all'estremità dei rami, di colore rosso vivo; frutto una bacca (balaustio) con molti semi sfaccettati irregolarmente.
Si adopera la corteccia, preferibilmente della radice, estratta dal terreno in autunno, conservata allo stato fresco od essiccata rapidamente all'aria ed all'ombra.
I principi attivi sono numerosi alcaloidi, acido granato-tannico, sostanze pectiche e resinose, amido e mannite. I semi vengono adoperati in farmacia per la preparazione di un gradevole sciroppo, adoperato come correttivo.

oppure Condividi

Costruisci Montella Net con noi

Segnalaci gli errori, i commenti e/o le critiche riguardo questo contenuto o in generale. Saremo felici di rispondere e migliorare Montella Net grazie al tuo aiuto.

Nome


La tua e-m@il



Inserisci la parola nell'immagine


Commento