Montella Net Homepage
Una parola per volta per imparare il dialetto montellese
spacconià : vantarsi
Clicca per aprire il vocabolario
Promodisplay è specializzata in progettazione e realizzazione di siti web, espositori e materiale pubblicitari per il punto vendita.
Erbario

Sabina

Arbusto cespuglioso, sporadico nelle zone boscose e rupestri.
Fiorisce da aprile a giugno. Appartiene alla famiglia delle Conifere.
Ha fusto eretto o strisciante, rami decombenti; corteccia rossastra; foglie opposte, diverse a seconda del ramo o dell'età stessa del ramo; gli amenti staminiferi sono ovali, quelli ovuliferi formano delle infruttescenze (galbuli) ovali o rotonde, grosse come un pisello, di colore violaceo.
Nel periodo greco-romano, la sabina era adoperata nelle malattie degli animali. Inclusa, da Carlo Magno, nel "Capitulare", fra le piante da coltivare, ebbe grande diffusione.
Si adoperano i ramoscelli terminali che, raccolti in aprile-maggio e disseccati, contengono un olio essenziale molto complesso per quanto riguarda i componenti, un glucoside (pinipicrina), resine, tannino, acido gallico.
Malgrado che questa droga sia iscritta in parecchie formacopee, è generalmente sconsigliata e di uso pericoloso, perché la sua azione emmenagoga e, a dose più alta, abortiva è facilmente accompagnata da pericolose metrorragie, da nefriti emorragiche e da violenta irritazione del tubo digerente con bruciore alla bocca ed alla gola, vomito, dolori addominali, diarrea, che può aggravarsi sino alla perforazione intestinale ed alla peritonite.

oppure Condividi

Costruisci Montella Net con noi

Segnalaci gli errori, i commenti e/o le critiche riguardo questo contenuto o in generale. Saremo felici di rispondere e migliorare Montella Net grazie al tuo aiuto.

Nome


La tua e-m@il



Inserisci la parola nell'immagine


Commento